Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link accetto.

Giancarlo Perini

La vita ė bella

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

I bilanci del 2013 in approvazione all’imminente assemblea del 29 luglio 2014.


All’apparenza si presentano in modo impeccabile i bilanci che saranno presentati fra pochi giorni ai tenaci consorziati che non desistono dal partecipare alla recita dell’Assemblea Annuale. Un tantino sintetico, forse, ma così si perde meno tempo a leggerli, approvarli e quindi si arriva prima al buffet gentilmente offerto da loro stessi a se stessi (o si tratta forse di un cortese omaggio della Sardegna Resorts Spa? Lo chiederemo).
Se però un consorziato si chiede dove figurano gli emolumenti pagati al Consiglio d’Amministrazione della Servizi Consortili (in spudorata violazione dello spirito dello Statuto del Consorzio), dove figuri l’auto di rappresentanza del presidente che, poveretto non può permettersi di comprarne una, visto che il suo emolumento è di soli 250.000 euro l’anno.

Non trova la risposta. Neppure se si rivolge la domanda, seguendo la corretta trafila, al direttore amministrativo del Consorzio. No, mi correggo, della Servizi Consortili Costa Smeralda Spa, società al 100% del Consorzio. Dunque anche del sottoscritto. E’ nascosta in una voce generica, sotto un capitolo genericamente chiamato “locazioni”. E così nessuno ne sapeva niente, e nessuno si lagnava.

Trascuriamo per ora la notizia, di ottima fonte, seconda la quale alcuni collaboratori che avevano, e altri che hanno, incarichi delicati da richiedere fedeltà e riservatezza godono fi fringe benefits (appartamento in locazione e relative utenze) che non solo creano malcontento tra i dipendenti, ma sollevano dubbi, in quanto fringe benefits, circa la loro corretta gestione fiscale e assicurativa. Devo essere nascosti anche loro sotto la creativa e divertente voce “Godimento di Beni di Terzi”. E qui evitiamo di cadere nella volgarità con riferimenti alla succursale di Arcore di Porto Rotondo, che porterebbero troppo rapidamente al nostro ben noto presidente.

Attenzione si tratta di etica, di morale, di onestà; ma anche di soldoni perché i 450 mila euro al CdA e la berlina di rappresentanza del presidente rappresentano il 4,4% dell’intero “fatturato”. Fatturato addebito per il 68% ai Consorziati.
Soprattutto questa somma pagata fuori da delle madri di famiglia più sprecone che generoso, se non gravasse sui costi di gestione avrebbe permesso di realizzare Un risultato d’esercizio, un utile vicino ai 700 mila euro che, se riversati sul bilancio del consorzio avrebbe abbattuto le quote del 10%. Ognuno si faccia i propri conti. Evidentemente nemmeno le grandi Sardegna Resorts, Starwood o Land Holding, sono amministrate tanto bene da guardare ai risparmi che potrebbero conseguire.
C’è altro, perché se l’azionista (a sua insaputa o suo malgrado, della Servizi Consortili) volesse vedere dove finisce il ridicolo utile della sua Spa (nemmeno il 2% del fatturato, quanto basterebbe per qualsiasi Spa seria per mettere alla porta anche il CdA più legittimato di questo mondo) scoprirebbe che non è versato al ricco e distratto azionista ma è trattenuto e messo nelle riserve.
Scopriamo così la buona notizia: abbiamo ben 2,1 milioni di riserve, oltre alle riserve per i T.A.R. e altri fondi (?) per 1,735 milioni. Per non dire del fondo svalutazione crediti pari a 5,2 milioni (di fronte a crediti per quote pari a 11,1 milioni).
Si tratta di una riserva costituita a favore dei morosi, dai consorziati che ancora continuano pagare a questa associazione cui sono iscritti d'ufficio ma che non gli appartiene. Associazione che, prudentemente, qui non qualifichiamo con maggiori dettagli.
Fermiamoci qui, per lasciare spazio ad altri interventi in assemblea. Tuttavia converrà rimarcare l’anomalia di un “Bilancio Consolidato” dell’Organizzazione Consortile, ma soprattutto chiedersi (e chiedere) perché non si presenta agli azionisti della Servizi Consortili Spa il bilancio della loro società ma si preferisca dire loro: il bilancio è depositato, chi è interessato si rivolga all’ente preposto e se lo procuri.
Per questo possiamo permetterci il lusso di dire al presidente e ai membri del consiglio di amministrazione. Grazie signori, per il rispetto che ci portate.

Giancarlo Perini. (APICS, Consorziati Costa Smeralda).

P.S. Per ottenere la visura storica della Servizi Consortili Costa Smeralda Spa basta andare al registro delle imprese.it e versare on line 2,5 euro per il bilancio 2013. Con 11 euro si ottiene l’intero fascicolo storico (visura storica + bilancio + statuto + altre informazioni).

già pubblicato in http://www.apics.it/blog/?p=712 iil 24/7/2014

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Search

Iscriviti alla Newsletter

Contatti

 

Potete contattarmi alla mail:

info@giancarloperini.com

Login