Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link accetto.

Giancarlo Perini

La vita ė bella

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

killer clown 2

Ricostruire la scena in termini teatrale farebbe sbellicare dalle risate in una pochade, o piangere lacrime amare in una tragedia greca.

In sintesi il CDA della Servizi Consortili Costa Smeralda delibera, sottolineo, delibera, di ridurre alla metà i propri compensi per contenere le spese a carico dei consorziati. Ma il bi-presidente (del Consorzio e della Servizi Consortili C.S. spa) non è affatto d’accordo e riesce a far declinare l’oltraggioso sconto. E’ come se al ristorante (la Servizi Consortili) vi dicessero, quest’anno i prezzi sono dimezzati e voi (il Consorzio) vi dite non d’accordo e pretendete di pagare il prezzo (doppio) pagato l’anno scorso. Non è esilarante?

Lo sarebbe in una pochade ma nella realtà è una questione dannatamente seria.

Sono in ballo almeno 125.000 euro per presidente, e analogamente gli emolumenti degli altri consiglieri. Si passerebbe da € 450.000 a 225.000, un bel risparmio. Vero: i consorziati vedrebbero ridotte le loro eccessive spese per l’aria fritta del Consorzio, ma i signori consiglieri “tengono famiglia” e poi dedicano molto prezioso tempo per gestire gli affari. No, non i loro personali come i soliti malpensanti potrebbero insinuare, ma quelli della “Organizzazione Consortile”.

La battuta più esilarante è che nel gigantesco conflitto d’interesse, i due Consigli di Amministratori si sovrappongono. Dei cinque membri, ben quattro giocano nel ruolo del boia e dell’impiccato.

I loro nomi? No, per favore non chiedeteli. Meglio fare i cognomi, sono scritti chiaramente nella relazione pubblicata ogni anno in occasione della assemblea: R. Persico, M. Pasqualone, B. Mentasti (vice-presidente), B. Daddi e S. Morri.

Cari lettori, immagino la vostra incredulità, i vostri commenti “è una bufala, inventata dal solito provocatore, da quel tipo che ha sempre da ridire sul tutto”.

Che bella la libertà di pensiero! Bella come la trasparenza e l’accesso agli atti.

E pensare che non saremmo a questo punto se ci fosse sempre stata un po’ di trasparenze.

Ciò che ho riferito è nero su bianco nel verbale del CDA del Consorzio Costa Smeralda del 30 aprile 2014, ricevuto finalmente (dopo mille insistenze) pochi giorni fa.

Eccone la fedele riproduzione:

………

Si apre la discussione in merito al Budget 2014, prende la parola il Presidente Renzo Persico dichiarando di essere contrario alla proposta approvata dal Consiglio di Amministrazione della controllata Servizi Consortili Costa Smeralda S.p.A. il 31 marzo 2014 di dimezzare gli emolumenti degli amministratori e chiede il parere dei presenti, interviene il Consigliere sig. Bruno Daddi dichiarando di essere in accordo con il Presidente, anche il Consigliere Bruno Mentasti interviene dichiarando di non essere a conoscenza della delibera del Consiglio di Amministrazione della Servizi Consortili Costa Smeralda S.p.A. e pertanto pure lui è si dice d'accordo a non variare l'importo degli emolumenti riconosciuti agli amministratori rispetto all'esercizio precedente e chiede che tali proposte debbano essere portate a conoscenza di tutti i consiglieri prima dell'inizio del Consiglio di Amministrazione.

Il Consigliere Mariano Pasqualone chiede di confermare quanto già deliberato dal Consiglio di Amministrazione della Servizi Consortili Costa Smeralda Spa in data 31 Marzo 2014 e si stupisce del fatto che I Consiglieri che avevano votato favorevolmente alla riduzione del 50% dei compensi degli amministratori, oggi si dichiarino contrari ed in particolare richiama quanto già affermato in merito alla necessità di continuare con l'attività di "Spending Review", anche se il compenso degli amministratori grava sull'attività svolta dalla Servizi Consortili Costa Smeralda S.p.A. verso terzi e non per i servizi resi direttamente al Consorzio Costa Smeralda.

A tal proposito il Direttore Generale legge la seguente dichiarazione:

«Gentili Consiglieri.

mi permetto di proporre alle SS.LL., nell'interesse stesso di codesto C.d.A., l'effettuazione di una attenta valutazione sul costo delle prestazioni professionali (indennità degli amministratori della Servizi Consortili C.S. S.p.A.) che si intende appostare nel Budget 2014 della controllata. in relazione al contesto economico finanziario nazionale, regionale e locale, caratterizzato da una evidente e marcata sofferenza.

Contesto economico/finanziario che, nel caso specifico del sistema consortile, è facilmente rilevabile anche dall'importante livello di crediti derivanti da quote e contributi dei Soci, per la cui riduzione la società sopporta notevoli sforzi economici ed organizzativi.

Analoga riflessione propongo, infine, sul valore di dette eventuali prestazioni professionali in relazione al volume dei ricavi autonomamente generati dalla Servizi    Consortili C.S. Spa che, sarebbe opportuno, fossero allineate alla percentuale media dei costi sostenuti, per tali prestazioni, da società similari.»

Dopo breve discussione e con parere contrario dei consiglieri Mariano Pasqualone e Stefano Morri si decide per il ripristino dei compensi agli amministratori., pertanto il Budget 2014 viene rettificato rispetto alla bozza approvata nel Consiglio di Amministrazione della Servizi Consortili Costa Smeralda del 31 Marzo 2014…….

 

Vivaddio quest’ultimo paragrafo getta un colpo di luce e di ottimismo (si trova in ogni pochade e in ogni tragedia): due dei consiglieri (i professionisti) non cambiano idea e esprimono il loro parere contrario. Li ringraziamo.

Porto Cervo, 15 luglio 2015.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Search

Iscriviti alla Newsletter

Contatti

 

Potete contattarmi alla mail:

info@giancarloperini.com

Login