Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link accetto.

Giancarlo Perini

La vita ė bella

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ultima Chiamata

E’ indispensabile e urgente costituire un Comitato (che chiamerei “Comitato Davide per Costa Smeralda”) a cui partecipino almeno 50 Consorziati che si impegnano a versare quote annue di almeno 500 Euro per i prossimi 3 anni. Il Comitato sarà rappresentato da un presidente e e avrà un tesoriere diverso dal presidente.

A questo punto scusate se, esco dalle scarpe di ex-presidente dell’APICS incaricato dall’ex-Consiglio Direttivo (nel frattempo dileguatosi come neve al sole) di vestire i panni di favore di “Davide” contro Golia.

Per chi legge per la prima volta, mi presento. Sono l’ex-consorziato  Giancarlo Perini e non sono avvocato ma laureato in Economia e Commercio e giornalista/scrittore. 

Nessuno mi ha obbligato a contrastare lealmente e a viso aperto le scelte degli amministratori del Consorzio negli ultimi otto anni. E’ una scelta di principio, di rispetto per me stesso. Di fame di giustizia.

Ho agito finora su molti fronti. Sul fronte giudiziario sono impegnato in tre vicende.

  1. Quello dell’effettivo accessi agli atti e ai documenti del Consorzio (tuttora aperto malgrado una sentenza definitiva a favore di ogni consorziato), l
  2. La denuncia per ipotizzata truffa (aggravata e continuata) scaturita da una parziale accesso agli atti, con costituzione di parte civile, ancora in corso a Tempio (e a rischio di prescrizione), avviata come Presidente dell’APICS.
  3. Infine (e a titolo personale ma nell’interesse di molto consorziati) l’appello avverso la famosa sentenza 608/2015. 

 Ho sempre saputo che si tratta di una lotta impari ma ho avuto fiducia nei Consorziati. Forse ho peccato di ottimismo nel pensare che centinaia avrebbero dato il loro appoggio e si sarebbero uniti per fare la loro parte, per dare una mano. Sono stati alcune decine. Troppo pochi e in misura assolutamente insufficiente.

Ora, in questo ulteriore duello tra Davide e Golia possiamo farcela anche se siamo pochi? Ed io voglio davvero affrontarlo - assieme a poche Consorziate coraggiose (la maggioranza è costituite da ldonne) - ben sapendo che la vittoria premierebbe le migliaia di Consorziati che scelgono di stare alla finestra, mentre la sconfitta colpirebbe solo noi?

 La risposta è NO, non voglio trasformare Davide in Don Chisciotte.

 Almeno non prima di aver tentato di ottenere per Davide le cinque pietre che lui raccolse dal fiume e una fionda abbastanza potente per abbattere Golia.

 Per questo invito tutti i Consorziati a scegliere da che parte stare e a partecipare alla costituzione del “Comitato”, a partire dalla riunione che si terrà Mercoledì 21 Agosto dalle ore 18 alle ore 20 nel luogo che sarò indicato a chi avrà riservato con messaggio SMS o Whatsapp al numero 351 956 7200 o, ancora, via mail all’indirizzo info@giancarloperini.com

a proposito di procedimenti penali, vedi anche

https://giancarloperini.com/index.php/146-delega-per-l-assemblea-lettera-aperta-a-un-consorziato-

{loadnavigation}

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nella bibbia Davide sconfigge Golia. Come andrà a finire a Porto Cervo?

Si deve dare a Davide la forza necessaria per battere Golia. Non si può più restare a guardare.

 Dipenderà proprio da lei e dal costituendo Comitato “Davide per la Costa Smeralda” (#DavidePerLaCostaSmeralda. Nel Consorzio ci sono molti Davide ma sono dispersi e manca loro la fionda o le pietre con cui sconfiggere Golia. 

A questo punto se lei sta con il Filisteo può non andare oltre; se mai avesse principiato a leggerci.

Se invece si sente anche lei un Davide, consideri questo.  

Il Consorzio è un ibrido mostruoso che quando fa comodo è “associazione” ma diventa “Condominio” quando si tratta di ottenere, con generosa disponibilità, i famigerati “Decreti ingiuntivi”.

Consorzio Indagato NS 9 5 2017

 

Ora se fosse davvero un condomino, il consorzio non avrebbe mai potuto cambiare il suo Statuto originario  (Regolamento dei Condominio) senza il voto unanime dei Consorziati. Cosa che invece ha fatto più volte illegittimamente. Con meno di un quarto delle quote.

Per brevità abbiamo citato due casi. Sarebbe facile andare oltre la prima dozzina, ma non è questa la sede, il modo e il momento.

Recentemente quei pochi consorziati che per principio si sono fatti Davide e che hanno chiesto alla giustizia di dichiarare estinto il consorzio fin dal 1997, di dichiarare nulle le successive assemblee e bilanci, nonché di riconoscere il diritto di recesso e altro ancora, si sono visti negare diritti costituzionalmente tutelati, quale ad esempio la libertà di associazione.

Il loro appello presso la Corte di Appello di Cagliari (sede di Sassari) è stato respinto con motivazioni che saranno oggetto di Ricorso in Cassazione, a patto che ora molti consorziati che finora sono stati a guardare decidano di unirsi a Davide per costruire la fionda e raccogliere le pietre con cui battere Golia.

Non è certo un confronto sterile. In tutti questi anni la gestione del “Padrone Albergatore” ha causato una devastante perdita di valore del nostro patrimonio immobiliare.

Così, mentre il valore degli alberghi aumenta anni dopo anno, quello di ville e case private (migliaia) si è fortemente deprezzato, la domanda è pressoché inesistente ma le quote pretese del Consorzio - che per Statuto devono essere determinate in base al “valore” delle proprietà - restano invariate.

Per questo è indispensabile e urgente costituire un Comitato (che chiamerei “Davide per la Costa Smeralda”) a cui partecipino almeno 50 Consorziati che si impegnano a versare quote annue di almeno 500 Euro per i prossimi 3 anni. Il Comitato sarà rappresentato da un presidente e avrà un tesoriere diverso dal presidente.

Ora, se anche lei si sente un Davide è tempo di farsi sentire, di unire tutti i problemi (sempre gli stessi) e gli sforzi di pochi Consorziati (che hanno finora DIFESO GLI INTERESSI DI TUTTI  in  frustrante solitudine) formando una nuova Associazione il cui scopo è quello di liberare i Consorziati dal Consorzio attualmente gestito da estranei prezzolati, non-consorziati ma da noi pagati (troppo) per fare gli interessi dal Padrone che può essere dispotico perché il suo “pueblo” è indifferente o distratto.

Per questo le rinnovo l’appello ad unirsi a noi aderendo subito al Comitato ed a partecipare all’incontro per la sua costituzione, contribuendo alla definizione di scopi, programmi e scelte per il breve e lungo termine.

A tal fine invito tutti i Consorziati a uscire dal limbo, a scegliere da che parte stare ed a partecipare alla personalmente alla riunione che si terrà Mercoledì 21 Agosto dalle ore 18 alle ore 20 nel luogo che sarò indicato (in funzione delle presente annunciate) a chi avrà riservato con messaggio SMS o Whatsapp al numero dedicato 351 956 7200 o, ancora, via mail all’indirizzo info@giancarloperini.com

Grazie per l’attenzione e cordiali saluti.

Giancarlo Perini.

{loadnavigation}

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Per i consorziati in Costa Smeralda che non sono iscritti alla nostra Newsletter gratuita (basta indicare il propro nome e indirizzo e-mail nelle due caselle in alto, a destra) pubblico qui il suo contenuto per conoscenza diretta:

Chiusura Indagini US

Prima Comunicazione da Giancarlo Perini. (https://giancarloperini.com) 

E’ tempo di investire in Costa Smeralda!

Davvero investireste in Costa Smeralda, firmando un matrimonio indissolubile - almeno fino al 2050 - che vi farà pagare quote superiori imposte comunali?

Matrimonio in cui non avreste il benché minimo diritto di dire la vostra? In totale asservimento?

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Porto Cervo 2019 (cliccare per vedere l'ultimo colpo di genio).

Bisogna ammettere che c’è davvero qualche genio al Consorzio. 

Pur di far quadrare i conti e farli apparire splendidi ne inventano una più bella dell’altra. 

Prima fanno cassa con richieste lunari a molti consorziati, di cifre astronomiche con il pretesto di qualche violazione a qualche loro regolamento; di solito quello edilizio. Usando per questo la loro “sorveglianza” a mo’ di KGB locale. 

Poi entra in scena il poliziotto “buono” e fanno la parte delle persone ragionevoli per accontentarsi di qualsiasi cifra.

parcheggio incustodito la proprieta non risponde di eventuali danni

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva


Hotel Romazzino 2009 Polo 3

Lettera Aperta 

A un consorziato che propone di delegarci alla prossima assemblea elettiva DEL 31 LUGLIO 2019.

Buongiorno signor Consorziato e grazie per avermi onorato della sua proposta di rappresentarla alla prossima assemblea del Consorzio Costa Smeralda.

Perdoni il ritardo nella mia risposta, dovuto alla necessità di fare "un giro d’orizzonte".

Presumo che, avendo io esercitato nel corso del 2016 il diritto di recesso dall’Associazione (qual’é il Consorzio Costa Smeralda) io non sia stato convocato. (A proposito del Recesso può vedere l’articolo aggiornato in queste pagine.)

Una buona notizia per tutti questa. Perché anticipa l’inevitabile sentenza che prima o poi dovrà arrivare dalla magistratura, per non dire della stessa Corte Costituzione in tema di Recesso.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Finite le vacanze estive, è iniziata la raccolta delle procure per la costituzione di parte civile nel procedimento penale (per presunta truffa aggravata e continuata a danno dei membri del Consorzio Costa Smeralda) in corso presso il tribunale di Tempio. 

Le ragioni per la costituzione di parte civile sono state illustrate qui. https://giancarloperini.com/index.php/143-costituirsi-parte-civile-nel-processo-per-truffa

Ad evitare ogni rischio di cavilli di ogni sorta, capaci di compromettere il buon esito della nostra azione  è imperativo che le procure siano firmate dai proprietari degli immobili (o dai legali rappresentanti in caso di società) così come risulta dai pubblici registri immobiliari e che sia provata l'appartenenza al consorzio almeno per uno degli  anni per quali il procedimento è stato avviato (2010 a 2013) anche se rimborsi e risarcimenti si estenderanno agli ultimi vent'anni.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

ULTIMA OCCASIONE PER  

Costituirsi parte civile

COSTO MINIMO, NESSUN RISCHIO.

 

Non tutto il male viene per nuocere.  Il rinvio al 25 ottobre 2018 della udienza di apertura del processo per truffa aggravata e continuata (ex art. 640 c.p. - procedimento 3213/15 R.N.R.) a carico del presidente e di altri amministratori del Consorzio Costa Smeralda e della Servizi Consortili Costa Smeralda Spa ha SPALANCATO LA PORTA a tutti quei consorziati che vorranno costituirsi parte civile al fine di ottenere il rimborso di quanto indebitamente versato (in teoria anche dal 2000 in poi) e ulteriori risarcimenti per danni di diversa natura che possono aver subito (ad esempio per illegittimi decreti ingiuntivi).

Per farlo senza essere menzionati nel decreto di citazione a giudizio, basta dare incarico allo studio legale che segue il nostro caso e versare una minima quota di 100 euro, nella forma e con la documentazione necessaria ad evitare ogni rischio di cavilli e rinvii.

Come funziona per chi si costituisce?

In caso di condanna degli imputati, il Giudice potrebbe condannarli a risarcire subito, nei limiti della cosiddetta “provvisionale” la parte del danno già accertata.

Search

Iscriviti alla Newsletter

Contatti

 

Potete contattarmi alla mail:

info@giancarloperini.com

Login