Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link accetto.

Giancarlo Perini

La vita ė bella

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Avviso-SCCS-WEBCon o senza il punto di domanda?

 

Hanno davvero vinto loro? Quelli che …..il Consorzio Siamo Noi …e voi non siete un …Razzo, come declamava Alberto Sordi in quel bellissimo film?  Vi ricordate Il Marchese del Grillo? Vi ricordate come finiva, con tutti i corrotti denunciati pubblicamente di fronte allo stesso Papa. Arriverà finalmente un nostro "papa" che vorrà ascoltarci.

Allora torniamo alla domanda: Hanno davvero vinto loro? Quelli dell'Ufficio Incassi? Sembrerebbe proprio di si.

 

Hanno parlato tanto di aria fritta e di riscossione crediti ma sono riusciti a NON DIRE l’ammontare dei compensi che si sono attribuiti, dei costi e dei rimborsi a loro favore e a nostro carico. Hanno detto, seppure con parole diverse: “quello che ci paghiamo lo guadagniamo con servizi resi a terzi ed a pagamento”. Peccato che così abbiano trasformato il Consorzio in un'attività commerciale in perenne contenzioso fiscale. Sono riusciti a NON DIRE  malgrado precise domande (ripetute negli anni) che Persiconon può fare il nostro presidente semplicemente perché non è un consorziato, non rappresenta ufficialmente alcuna delle società consorziate ma è semplicemente imposto da chi impugna il telecomando e ha buone ragioni per tenerlo li.
Per ora si può solo dire no-comment, presto entreremo nel vivo.

Hanno vinto loro perché, sono riusciti a non farmi dire ciò che i consorziati non dovevano sentire, quello che invece andava detto in assemblea, Dapprima non volevano ammettermi in sala «come da delibera del Consiglio di Amministrazione», mi dice il ragioniere a quatr'occhi. Poi, dopo consulto con la presidenza, lo stesso mi riporta la voce del padrone: va bene, visto che ha pagato la quota al Consorzio può stare e assistere ma non può intervenire.
Non c’è tempo e modo di spiegare che io le quote le ho sempre, puntualmente pagate, anno dopo anno, al Consorzio. Non conosco né riconosco la Servizi Consortili Costa Smeralda, ho spiegato perché con posta certificata e non ho mai avuto una risposta, una replica, una spiegazione. Poi ribadisco che questa è l’assemblea del Consorzio ed è un’altra cosa.
Al momento opportuno chiedo di parlare. Mi viene rifiutato perché, secondo quanto declamato in apertura di assemblea, citati articoli 15 e 17 dello Statuto, non sarei in regola con la “organizzazione consortile” .
Il Presidente è d’accordo con il segretario, professionista non consorziato e non retribuito ma amico del presidente ripete e insiste, se non pago non posso parlare. Ho presentato regolare domanda di intervento, allego copia della ricevuta del pagamento effettuato da oltre un mese ma niente da fare. Insisto: ho il diritto di parlare. Niet. Senza il pagamento non si ha diritto di parola.
Mio malgrado, volendo parlare ai consorziati, firmo l’assegno a saldo (meno di quanto mi era stato esposto), ritiro la ricevuta, la presento e mi è concessa la parola.
Parlo per pochi minuti, giusto il tempo di enunciare alcuni dei punti che si devono discutere in un’assemblea annuale dei consorziati. Non ho nemmeno finito l'enunciazione che arriva l’invito a concludere. E’ tutto irregolare ma non accetto la provocazione, non alzo i toni non reagisco. Chi è interessato avrà ore e giorni di tempo per conoscere fatti e opinioni liberamente e responsabilmente espresse.
Chi vuole, nei prossimi giorni potrà leggere qui, ciò che sono riuscito a dire in assemblea. Poi, nei giorni successivi, entrerò nei singoli argomenti, portando fatti e documenti,  non parole gettate al vento nei salotti della Casta della Costa.

Per favore, iscrivetevi alla newsletter per essere informati puntualmente e per farmi capire se questa battaglia merita di essere combattuta fino in fondo. Da solo non posso andare da nessuna parte. Basta scrivere il vostro nome e la vostra mail, qui a destra, in alto. Grazie.

Sono indignato, determinato ma non tanto stupido da non dubitare che da solo potrei non farcela.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Search

Iscriviti alla Newsletter

Contatti

 

Potete contattarmi alla mail:

info@giancarloperini.com

Login