Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link accetto.

Giancarlo Perini

La vita ė bella

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dopo i decretiingiuntivi, partone le ipoteche e pignoramenti.

Dopo la raffica di decreti ingiuntivi che il Consorzio Costa Smeralda ottiene dal Tribunale di Tempo in conseguenza della ormai famosa Sentenza 608/2015, confermata dalla Corte di Appello di Cagliari (sede distaccata di Sassari), oggi abbiamo notizia - per la prima volta - dell’esecuzione lampo di un’iscrizione di ipoteca e della richiesta di pignoramento, per la vendita all’asta, di una proprietà a Porto Cervo.

Casa ipotecata

L’aspetto più incredibilmente assurdo di questa vicenda è che il tutto parte dal mancato pagamento di poco più di 7000 euro, subito salite a 8500, accresciute di altri 1900 per interessi. Così che in 8 mesi ciò che poteva essere risolto con un paio di telefonate e meno di 8000 euro è diventata per il proprietario un’emergenza e un gravame  raddoppiato in pochi mesi. Ma il conto sarà ancora più salato, al Consorziato moroso suo malgrado (perché mai informato) toccherà pagare anche le spese per la cancellazione dell’ipoteca, scoperta (anch’essa) casualmente grazie alla segnalazione della sua banca.

I consorziati sono avvertiti: senza il ricorso in Cassazione e senza una sostanziale riforma della sentenza 608/2015 del Tribunale di Tempio non avranno via di scampo.

A meno che non siano intraprese altre iniziative legali di livello ben superiore e con una potenza vicina, se non pari, a quella del Consorzio dei Padroni.

I Consorziati vorranno finalmente riunirsi attorno a pochi e chiari obiettivi?

A ognuno di loro, nel loro privato e nel proprio particolare, la risposta.

P.S. - Saremo grati a chi, trovandosi nelle stesse condizioni, volesse comunicarcelo per raccogliere dati statistici da mettere a disposizione di tutti coloro che ci seguono. 

Per farlo potete inviare un messaggio SMS o Whatsapp al numero 351 956 7200 o, ancora, scrivere all’indirizzo info@giancarloperini.com

e-max.it, posizionamento sui motori

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Search

Iscriviti alla Newsletter

Contatti

 

Potete contattarmi alla mail:

info@giancarloperini.com

Login